agosto 2006

a. XII, n. 4  [67]

 

 

 

torna a  AGOSTO 2006

Atter’una mandra

 

No bastaian sas mandras de piatta

nd’amus una noa introidda

s’est azzesa in sa zente s’ischentidda

pro un errore chi peus no s’agattada.

Pro ponner duas cadreas a sere

an tancadu in tottu una via

ma niunu b’at postu sedere

ma una giaga acentru a domo mia.

Trinta familias nd’an su toltu,

pro tres meses, no podimus vessire,

a piatta no podimus arrivire

tancados comente tancan s’oltu.

Mai in sa vida capitada

una cosa ingiusta che custa

una via da una giaga tancada

de ferru pesuda e robusta.

Trinta familias namus “comente?”

ma nisciunu pro como at rispostu;

domandan puru sa zente

tottu custu solu pro unu postu?

De vantaggiu no bind’at pro nisciunu

est istada una mala pensada

s’idet sulu una via tancada

e una mandra chena cabu perunu.

Sos atteros c’an sas cadreas

tottu poden fagher domandas

si es chi an valore s’ideas

diventat una idda de mandras.

Signales appiccados sun tott’ue

ma nisciunu custos rispettat

e tando a chie ispettat

si nisciunu in fallu no ruet?

Sa regula ischimus chi ch’est

ma intro nisciunu sil’agatta

bastat de abbaidare sa piatta

e sibb’idet s’oldine chi b’est.

Sa cheja, meno male ch’est tancada

si no fid’istada coriosa

aimus vidu un’istrana cosa

sas macchinas intro posteggiadas!

Ma si sighit cust’andazzu

amus a biere custu e atteru puru

sas mandras no pius in s’istazzu

ma si faghen introidda muru muru.

M’iscuscio ca est istadu un’ilfogu

ca nos an tancadu s’istrada

inoghe no fit mai capitada

una cosa chi no capitat in logu

Ispero finat lestru cus’abbusu

e chi no capitet mai piusu!!

 

Unu pastore dai sa mandra

Tonino Fresu

 

Via Nuova è stata chiusa al traffico senza un motivo.

La gente che vi abita (trenta famiglie) lamenta pure minacce e insulti se si tocca la transenna per passare a piedi. Dopo questa chiusura c’è un lampione che chiude la strada.

Cento agricoltori e allevatori devono fare marcia indietro per uscire dall’altra parte, 150 metri per poi attraversare una strada stretta in discesa pericolosissima insieme ai residenti una cosa assurda!

E’ stata organizzata una raccolta di firme e trasmessa una denuncia alla caserma dei carabinieri, ma non si sono degnati di una risposta. Siamo gente di serie C. La popolazione è contraria perché è una cosa assurda, ma nessuno ascolta. Costa un’ora di lavoro togliere il lampione, mettere una striscia gialla in terra con i dovuti segnali e tutto finisce per sempre. Una buona volta, ma che non si ripeta più.

Da notare che al jazz e alla festa patronale nessuno disturba perché è chiuso il centro storico. Quindi è una chiusura senza senso, continuiamo a sperare?

Un gruppo di cittadini